Tu che c’hai la macchina bella…di Flavio Scanarotti

0
263

“Tu che c’hai la macchina bella mi fai una foto?”. Quante volte, amici, parenti, fidanzati/e vi hanno chiesto di scattare un’immagine, a loro parere, splendida, da museo? Quante volte, queste foto richieste, non le avreste mai scattate neanche sotto tortura? Presumo sia capitato a chiunque.

Voi, con la vostra reflex in mano, affamati di fotografia e alla ricerca degli scatti del secolo, condividete un momento particolare con una persona cara, ma non vedete nulla di particolare e tenete bassa la vostra attrezzatura. Poi, chi vi sta vicino, vede qualcosa di mistico attraverso i suoi occhi e vi chiede di farla, di scattare una foto. Nell momento in cui andate a premere il tasto di scatto, il vostro occhio fotografico e/o il vostro obiettivo vi suggeriscono che quella foto è brutta o irrealizzabile per evidenti limitazioni ottiche: magari provate anche a fare riflettere il vostro interlocutore, ma niente, non riuscite a smuoverlo dalla sua idea. Così vi arrendete, fate click e mentalmente commentate “mazza che schifezza!”

La foto condivisa è nata da una richiesta: “Mi prendi bene il tramonto e la mezzaluna? Con il telefono non viene come vorrei!” Dal mio punto di vista, i colori sono belli, ma la luna è piccola, si perde nel frame, non si vede. Per di più, se provo a inquadrare da più vicino il nostro satellite, perdo i colori del tramonto: non avrei mai scelto questa composizione. Ma l’amor è l’amor e poi, c’ho la macchina bella! Così, ho preso il mio 18/55 2,8-4 innestato sulla mia X-E1 e ho scattato.

Dato che vi sarà capitato, condividete nei commenti del post,(https://www.facebook.com/835546289978199/posts/1544444872421667/) le peggiori foto su commissione scattate con la vostra reflex o la vostra mirrorless. Vediamo chi si è sacrificato di più in nome dell’amicizia, dell’amore…o ha ceduto per stanchezza a ripetute e incessanti richieste .

Se per caso, però, la foto richiesta si è trasformata in un capolavoro? Condividetela e raccontate la sua storia nella sezione dedicata alla Community.

Previous articleCapodanno a Cebu di Andrea Izzotti
Next articleIl berbero di Andrea Izzotti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here