Negozianti in vetrina di Flavio Scanarotti

0
57

Purtroppo, gli impegni mi stanno tenendo lontano dalla mia passione, la fotografia. Non ho più aggiornato la pagina e il sito, non ho più scattato e, grazie alla pandemia, non sono in grado di proseguire con i miei progetti fotografici. Tutto in pausa. In un momento di tranquillità, però, mi è tornato in mente un progetto che avevo sviluppato qualche anno fa ad Arenzano, una località di mare del ponente ligure situata a pochi passio da Genova.

Grazie alla collaborazione di Cronache Ponentine, ero riuscito a coinvolgere la maggior parte delle attività commerciali del luogo. Il mio obiettivo era dare maggiore visibilità a tutte quelle persone che, con le loro attività, danno valore aggiunto a un bellissimo paese costiero. Per non scattare le classiche foto in posa, mi ero prefissato di evidenziare un lato più comico e umano dei negozianti.

Con la mia macchina fotografica (Nikon D750) al collo avevo letteralmente giocato con i commercianti. Grazie alla loro immensa disponibilità, creare le immagini, era stata non solo un’esperienza fotografica ma anche umana, il tutto accompagnato da tanto divertimento. Ricordo che il momento più divertente era la creazione della “coreografia”. In molti casi erano i negozianti stessi a suggerirmi una soluzione. Tra me e i soggetti si creava una bellissima empatia creativa.

A distanza di anni, alcune attività hanno ancora i miei scatti appesi al muro. Non è solo una questione di soddisfazione personale ma è anche una conferma umana: significa che i commercianti si sono divertiti, hanno amato il progetto e sono legati a quei giorni in cui entravo nella loro attività e scattavo. A distanza di anni e non frequentando più Arenzano, se incrocio uno di loro mi salutano.

Avessi più tempo svilupperei un progetto simile una volta al mese. Andare oltre il singolo “click”, per me, è uno stimolo di crescita: progettare, organizzare, analizzare, confrontarsi, scattare e infine vedere i propri sforzi prendere vita.
Non vedo l’ora passi la pandemia per riprendere in mano i miei progetti e poter scattare foto non solo sotto casa.
P.S.: Non ho trovato le didascalie e i titoli delle foto

Previous articleIl berbero di Andrea Izzotti
Next articleAngelica 1ON1 con Eolo Perfido

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here